Artisti

Enrico Antonello

nato a Castelfranco Veneto nel 1995, frequenta il Liceo artistico di Treviso e si diploma con lode in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia nel 2019. Nel 2017 è stato tra i fondatori del collettivo Default, impegnato ad esporre i propri lavori in luoghi non convenzionali (San Servolo, Monfumo, Venezia, Trento, Novara.) In occasione di questi progetti comincia a focalizzare la sua ricerca sugli aspetti, tra loro correlati, di suono, luce e movimento. Nel 2019 ha partecipato al festival internazionale Artstays in Slovenia. Lo stesso anno è stato selezionato come finalista alla XIV edizione del Premio Nazionale delle Arti delle Accademie Italiane e al Premio Salvi a Sassoferrato (Ancona). Nel 2020 presenta a Treviso il lavoro “Decomposition” nella mostra “Olri”, “Sound Machine” nella mostra “ZOONOSI” a Cavallino Trepporti (Ve) e vince il primo premio ad Agropoli (SA) con il lavoro Two Work for Days.

Vedi il portfolio
ENRICO ANTONELLO



Valerio Conti

Adottando una polifonia di media,
Valerio Conti indaga il corpo e la
sua rappresentazione al di fuori
del canone normato. Nei suoi lavori spesso, attraverso processi
di sottrazione, astrazione e riformulazione la
sfera pubblica e quella privata si dissolvono
per dare vita a un’intimità condivisa.

Vedi il portfolio
VALERIO CONTI



Giovanni Rossi

nasce nel 1996 a Brescia, dove vive e lavora. Consegue il Diploma di laurea in Arti Visive Contemporanee presso l’Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia.
Nel 2019 viene segnalato dall’Accademia di Belle Arti SantaGiulia, tra tutti gli studenti, per partecipare al concorso AccadeMibac indetto dal MiBACT, in collaborazione con la Quadriennale di Roma, per promuovere i giovani artisti italiani. Nel 2021 viene selezionato come vincitore della terza edizione del Premio Paolo VI promosso dalla Collezione Paolo VI a Concesio, (BS). Dal 2020 è rappresentato dalla casa d’aste Auc Art, specializzata in arte emergente internazionale. Nello stesso anno viene selezionato per il Palazzo Monti Degree Show e tra gli artisti finalisti della decima tappa del progetto Jaguart Brescia in collaborazione con Artissima. Nel 2021 partecipa alla collettiva Arte al Kilo promossa da Marina Bastianello Gallery, Mestre.

Vedi il portfolio
GIOVANNI ROSSI

Letizia Scarpello

nasce a Pescara nel 1989, vive e lavora fra Pescara e Milano. Studia Fashion Design all’Istituo Marangoni di Milano e Londra (2011), prende una seconda laurea specialistica in Scenografia, Costume per lo Spettacolo all’Accademia di Belle Arti di Brera (2015). Attingendo dal teatro e dalle arti performative i lavori di Letizia Scarpello inscrivono un ragionamento spazio temporale in una serie di segni astratti, spesso politicamente orientati. Il suo linguaggio multiforme mantiene un fondo pittorico grazie alla tecnica manuale che dalla tappezzeria e la tessitura eredita la sua nobiltà. Letizia Scarpello ha partecipato a residenze artistiche come VIR Viafarini-in-residence a Milano (2016-2017) e The Blank Contemporary Art a Bergamo (2018). Fra gli ultimi progetti vinti dall’artista il bando Sala Santa Rita di Roma a cura di Azienda Speciale Palaexpo (2021) e il Winzavod Center for Contemporary Art AIR (2021-2022) promosso dall’Istituto italiano di Cultura a Mosca in collaborazione con il ViaFarini di Milano.

Vedi il portfolio
LETIZIA SCARPELLO


Chiara Ventura

nasce a Verona il 19 giugno 1997. Vive e lavora a Verona
Di formazione pittorica, si concentra su questa pratica come un intimo esercizio di distacco per far assumere ai concetti, ai principi, alle sue posizioni forme diverse, all’apparenza irreali, che sempre rimandano all’idea di un corpo nel paesaggio e/o del paesaggio nel corpo.
Giunge ad analizzare poi i comportamenti e le forme gestuali attraverso, principalmente, la pratica performativa, con attenzione agli aspetti minimali e semplici. Per un’indagine sullo sguardo e sulle capacità d’osservazione nei contesti quotidiani, di routine, le sue performance ed i suoi interventi assumono spesso un carattere mimetico che predilige il contesto extra-artistico.
Ventura col suo lavoro indaga e denuncia problematiche legate alle forme di violenza presenti nella società contemporanea.
Nel 2020, in piena pandemia da COVID-19, co-fonda insieme a Romina Cemin, il progetto collettivo menodi30caratteri con il quale indaga e denuncia le problematiche che il mondo virtuale produce nel mondo reale attraverso un account Instagram. Nello stesso anno co-fonda Collettivo Plurale (che da marzo 2022 si espone come plurale).

Vedi il portfolio
CHIARA VENTURA